2013 parte II

11.01.2013

Questi primi giorni dell’anno sono tranquilli, introspettivi e inspettatamente freddi! Ebbene sì, anche a queste latitudini è arrivato l’inverno finalmente, anche se dicono che già la prossima settimana si tornerà a temperature oltre i 15 gradi.

Freddino, ma non proprio...

E allora io ne approfitto per tirare fuori la lana e finire dei progetti che avevo da un po’ sui ferri e iniziarne altri che probabilmente finirò alla prossima tornata di freddo (quindi nel 2014…).

WIP #knitting

La sera mangiamo spesso la minestrina con la pastina portata con noi dall’Italia o con le letterine della De Cecco trovate al supermercato locale, croce e delizia della globalizzazione.

Proprio mentre scrivo Tamir ha messo su un buon brodino di verdure che servirà per il risotto di domani. È da un po’ che penso che mi piacerebbe riniziare a scrivere delle ricetto del mio maritino e la scusa per cui non lo faccio è talmente patetica che merita di essere riportata: qui in Israele viviamo in una casetta in affitto che sembra la casetta di Biancaneve, come posizione, come dimensione e ahime’ come decor. Il padrone di casa, con il tarlo della falegnameria fai da te, ha costruito una orrenda e scomodissima cucina in non so bene quale legno. Oltre al fatto di essere brutta (quindi mi vergogno a condividere foto) il vomitevole colorino legno-chiaro-tendente-al-cagotto-di-neonato-con-gastroenterite rende difficilissa la calibratura del bianco e quindi le foto sono tutte gialline, proprio come io detesto..

Che fare lettori cari, mostrarvi la mia cucina con le foto gialline o abbandonare questa via? Se volete rinfrescarvi la memoria, ecco le ricette pubblicate in passato.

Mi dite cosa ne pensate?

4 pensieri su “2013 parte II

  1. alessandra

    …cos’hai contro il giallino??? io l’adoro e cerco proprio quell’effetto nelle mie foto perciò datti da fare e fai ‘ste foto!
    nel frattempo ti bacio
    ale
    xxx

    Rispondi
  2. Manuela

    cosa ne pensop?? che è un peccato!!
    chissenefrega del giallino sembrà vintage,
    ma le ricette erano e sono intriganti, adesso ne stampo subitoun paio!!

    Rispondi

Rispondi